Cammino Neocatecumenale

Il Cammino Neocatecumenale ebbe inizio nel 1964 fra le baracche della periferia di Madrid ad opera di Francisco (Kiko) Arguello e Carmen Hernandez che, aderendo alla richiesta di quei poveri con i quali vivevano, cominciarono ad annunciare il Vangelo di Gesù Cristo. Con il passare del tempo il kerygma (Annuncio della Salvezza) si concretizzò in una sintesi catechetica fondata sul tripode “Parola di Dio-Liturgia-Comunità”con l'intento di condurre le persone ad una fede adulta e a una comunione fraterna.

Questa nuova esperienza, nata nello spirito di rinnovamento suscitato dal Concilio Ecumenico Vaticano II, incontrò il vivo interesse dell’allora Arcivescovo di Madrid S.E. Monsignor Casimiro Morcillo che incoraggiò gli iniziatori del Cammino invitandoli a diffonderla nelle Parrocchie che lo richiedessero. Questo tipo di Evangelizzazione si diffuse rapidamente nell’Arcidiocesi di Madrid e in altre diocesi spagnole.

Nel 1968 gli iniziatori del Cammino Neocatecumenale giunsero a Roma stabilendosi fra i poveri del Borghetto Latino. Con il permesso di S.E. Angelo Dell’Acqua, allora Vicario Generale di Sua Santità per la città di Roma, iniziarono le prime catechesi nella parrocchia dei Santi Martiri Canadesi, poi a Santa Francesca Cabrini, a San Luigi Gonzaga e alla Natività. Da allora il Cammino si è diffuso in diocesi di tutto il mondo: oggi si contano circa 21.000 Comunità di cui 450 a Roma (ogni Comunità comprende in media 20-30 persone).

Il Cammino Neocatecumenale si pone al servizio di Vescovi e Parroci come itinerario di riscoperta del Battesimo e di educazione permanente nella fede; percorrendo un cammino di conversione e di catechesi, viene proposto ai fedeli che desiderano ravvivare nella loro vita la ricchezza dell’iniziazione cristiana.

Il Cammino Neocatecumenale, il cui itinerario è vissuto nelle Parrocchie in piccole Comunità costituite da persone di diversa età e condizione sociale, ha lo scopo di portare gradualmente i fedeli ad una conoscenza profonda di Gesù Cristo, renderli soggetti attivi nella Chiesa, credibili testimoni nel mondo della Buona Novella del Salvatore. E' inoltre strumento efficace per l’iniziazione cristiana degli adulti che si preparano a ricevere il Battesimo.

Il 10 Gennaio 2009, in occasione del 40° Anniversario della nascita della prima Comunità Neocatecumenale a Roma, Papa Benedetto XVI in San Pietro inviò le prime 15 Comunità in Missione nelle Parrocchie periferiche di Roma. Oggi nella nostra Parrocchia, oltre a due Comunità, è presente proprio una di quelle Comunità inviate dal Papa proveniente dalla Parrocchia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo.  Questa Comunità si è messa a disposizione del Parroco svolgendo i servizi pastorali ritenuti necessari per la Parrocchia collaborando con le altre realtà parrocchiali.